utiliziamo i cookies (anche di terze parti) per farti navigare meglio Informati

Lavoro domestico (COLF)

Sono soggetti all'assicurazione Inps (che comprende quella Inail) le donne e gli uomini, di qualsiasi età, italiani e stranieri, che svolgono lavoro retribuito per le esigenze domestiche del datore di lavoro e dei suoi familiari (tuttofare, cameriere, cuoche, baby sitter, governanti ecc.). L'assicurazione è obbligatoria anche se la colf è saltuaria, se è già pensionata, se lavora presso altre famiglie, se svolge altre attività retribuite.

I contributi

Tariffe dei contributi per le ore lavorate nel 2003:

Compenso effettivo

Contributo con CUAF

senza CUAF

fino ad € 6,30

1,21 (0,26)

1,07 (0,26)

da € 6,31 fino a 7,69

1,37 (0,30)

1,20 (0,30)

oltre € 7,69

1,67 (0,36)

1,47 (0,36)

pi√π di 24 ore settimanali

0,88 (0,19)

0,78 (0,19)

Tariffe dei contributi per le ore lavorate nel 2004:

Compenso effettivo

Contributo con CUAF

senza CUAF

fino ad 6,46

1,24 (0,27)

1,09 (0,27)

Da € 6,46 fino a 7,88

1,40 (0,30)

1,23 (0,30)

oltre € 7,88

1,71 (0,37)

1,50 (0,37)

pi√π di 24 ore settimanali

0,90 (0,20)

0,80 (0,20)

 

  • La cifra tra parentesi indica la quota a carico del lavoratore.
  • Il compenso orario deve comprendere la retribuzione effettiva, la quota di 13^ mensilità, la eventuale quota di vitto e alloggio.
  • Il contributo Cassa Unica Assegni Familiari è sempre dovuto ed è escluso solo quando la colf è il coniuge oppure un parente convivente del datore di lavoro.
  • Tutti gli importi comprendono anche la quota per l'assicurazione infortuni.
  • Si paga solo con i bollettini rilasciati dall'Inps per le ore lavorate nel trimestre precedente: tra il 1° e il 10 gennaio, tra il 1° e il 10 aprile, tra il 1° e il 10 luglio, tra il 1° e il 10 ottobre.
I documenti
  • Si deve denunciare l'assunzione ad un ufficio Inail oppure telefonicamente (803.888) oppure su Internet (www.inail.it) entro 24 ore dall'inizio del lavoro.

  • Si deve denunciare anche ad un ufficio Inps (con documenti d'identità, codici fiscali) oppure per posta o telefonicamente (164.64) o su Internet (www.inps.it) entro la prima scadenza di pagamento dei contributi.

E' inoltre bene sapere che:
  • MALATTIA della colf, con certificato medico, dà diritto a:
    metà della retribuzione fino al 3° giorno consecutivo di assenza
    retribuzione intera a partire dal 4° giorno, con un massimo di 8 giorni se la colf è dipendente da meno di 6 mesi, di 10 giorni se dipendente da meno 2 anni, di 15 giorni per le anzianità superiori.
  • FESTIVITA': sono retribuite per intero il 1° e il 6 gennaio, lunedì di Pasqua, 25 aprile, 1° maggio, 15 agosto, 1° novembre, 8,25 e 26 dicembre, il santo Patrono.
    Se la colf lavora nei giorni festivi, le spetta l'apposita maggiorazione.
  • FERIE: minimo di 8 giorni nell'arco dell'anno.
  • INFORTUNIO: se l'assenza dal lavoro deve durare almeno 4 giorni, occorre denunciare l'evento all'Inail entro 2 giorni (vedi www.inail.it) e nello stesso tempo all'autorità di P.S. o al Sindaco. I primi 3 giorni di assenza per infortunio sono tutti a carico del datore di lavoro.
  • CESSA IL LAVORO: gli ultimi contributi devono essere pagati entro 10 giorni dal licenziamento o dalle dimissioni.
  • PRESTAZIONI: In base ai contributi versati, la colf ha diritto ai vari tipi di pensione, all'indennità di maternità, agli assegni familiari, all'indennità di disoccupazione, all'indennità antitubercolare, alle cure termali, alla rendita Inail per infortunio o per malattia professionale.